Tuesday, 26 Sep 2017
  • Voluntary Disclosure

    Voluntary Disclosure è la procedura che consente gli italiani che hanno interessi, attività finanziarie e patrimoni all’estero, che sono sconosciuti all' Agenzia delle Entrate, di sanare la loro posizione, sia dal punto di vista delle imposte, sia dal punto di vista penale, tramite il saldamento di tutte le imposte non pagate in maniera scontata e anche avere una riduzione sulle sanzioni.

     

    La Voluntary Disclosure è una procedura di collaborazione spontanea basata sull'autodenuncia da parte del contribuente di tutti gli investimenti e le attività di natura finanziaria costituiti o detenuti all'estero anche indirettamente o per interposta persona.

    La denuncia è svolta fornendo all'A.F. tutti i documenti e le informazioni necessarie per la ricostruzione dei redditi per tutti i periodi di imposta per i quali – alla data di presentazione della richiesta - non sono scaduti i termini di accertamento o la contestazione degli obblighi di dichiarazione ai fini di monitoraggio fiscale.

    Scopri che cos'è la Voluntary Disclosure
  • Voluntary Disclosure BIS Testo della legge

    Voluntary Disclosure è in vigore dal primo gennaio 2015. Il testo della Voluntary Disclosure prevede le misure messe a disposizione per l'emersione e rientro di capitali detenuti all'estero, e anche la definizione di autoriciclaggio

     

    Il cosiddetto Voluntary Disclosure BIS, o Voluntary Disclosure 2.0, contiene alcuni correttivi mirati sopratutto a decollare l'emersione domestica

    Leggi il testo di legge della Voluntary Disclosure BIS
  • Voluntary Disclosure, prossimi passi

    Voluntary Disclosure è una procedura volontaria. Chi volessi aderire alla procedura di Voluntary Disclosure dovrà presentare la richiesta all'UCIFI, precisando quali sono gli interessi, attività finanziarie e patrimoni detenuti fuori dell'italia, che siano tenuti direttamente, indirettamente o per interposta persona. 

    Scopri quali sono i passi della Voluntary Disclosure